Indietro

L'ibis eremita fa l'autostop

A causa del vento lo stormo in migrazione guidata dall'uomo è dovuto atterrare a Grosseto. Da lì a Orbetello il tragitto è stato coperto in auto

ORBETELLO — Sono arrivati a destinazione in modo un po' insolito ma l'importante era farcela. E l'obiettivo i trentuno ibis eremita partiti dalla Germania a metà agosto è stato centrato. Lo stormo ora è a Orbetello e ci resterà fino alla prossima migrazione, a primavera. 

Dopo oltre mille chilometri in volo percorsi in ventitre giorni, gli esemplari della rarissima specie non sono riusciti ad arrivare da soli alla meta a causa del forte vento che li ha costretti ad atterrare a Grosseto. Da qui, per questa ragione, gli ibis eremita sono stati condotti all'oasi di svernamento in automobile. Quella degli ibis è la quarta migrazione guidata dall'uomo nell'ambito del progetto europeo LIFE+ "Reason for hope" 2014-2019. Obiettivo è la loro reintroduzione nell'ambiente naturale dopo la scomparsa avvenuta a fine Seicento. 

A dare notizia del loro arrivo è stato il Parco Natura Viva di Bussolengo che è unico partner italiano del progetto. A guidare gli ibis nella migrazione sono state le mamme adottive Anne e Corinna. 

"Per molte caratteristiche, questa è stata la migrazione più ardita del progetto", ha detto Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del Parco Natura Viva. "Un gruppo unico di 31 uccelli, due ultraleggeri a motore e due mamme adottive: lo stormo più impegnativo delle ultime quattro migrazioni, un successo dovuto anche al particolare affiatamento tra gli esemplari, che si sono dimostrati sempre molto uniti. Ora le mamme adottive rimarranno con gli ibis qualche settimana, in modo che possano ambientarsi nel sito di svernamento e poi gli ibis eremita potranno cavarsela da soli", ha concluso Avesani Zaborra.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it