Indietro

Il progetto "Mediterranea" approda all'Elba

Una parte dell'equipaggio di Mediterranea
Foto di: Progetto "Mediterranea"

In 6 anni ha percorso 20mila miglia fra il Mar Mediterraneo, il Mar Nero ed il Mar Rosso con un progetto ambizioso formato da un team speciale

PORTOFERRAIO — La barca Mediterranea, che naviga dal 2013 nella acque del Mar Mediterrano e che il 17 Maggio 2014 è salpata da San Benedetto del Tronto per il "Progetto Mediterranea", farà tappa anche all'isola d'Elba. Questa sera è approdata all'isola del Giglio, domani pomeriggio approderà nel porto di Porto Azzurro e venerdì 4 Ottobre sarà della darsena medicea di Portoferraio. L'equipaggio sta rientrando dalle tappe del 2019 che hanno visto toccare le coste della Spagna, del Marocco, della Tunisia e della Sicilia per poi risalire la costa tirrenica.

Il progetto portato avanti su Mediterranea rappresenta la prima esperienza al mondo di co-sailing a bordo di una due alberi che dal 2014 ha intrapreso il suo viaggio attraverso i tre continenti europeo, asiatico e africano seguendo il periplo del Mar Mediterraneo, Mar Nero e Mar Rosso settentrionale con obiettivi di ricerca nautica, culturale e scientifica. Nata da un gruppo di appassionati di navigazione e Mediterraneo, tra cui lo scrittore e marinaio Simone Perotti, la spedizione si concluderà a Genova, davanti al Museo del mare "Galata", il 12 Ottobre prossimo, dopo aver percorso circa 20.000 miglia (32.000 chilometri), facendo scalo in oltre 100 centri costieri di 29 Paesi.

Sono tre gli obiettivi del progetto, come si legge sul sito web http://www.progettomediterranea.com/:

- culturale: Mediterranea ha messo al centro del suo viaggio incontro con intellettuali ed artisti, filosofi e operatori culturali alla ricerca delle voci e del pensiero del Mediterraneo, materia prima preziosa per fronteggiare la crisi intellettuale, morale e civile dell’epoca;

- scientifico: Mediterranea ha stipulato accordi di collaborazione scientifica per operare come “laboratorio galleggiante” svolgendo ricerche ed esperimenti insieme ai ricercatori britannici del Sahfos (Sir Alister Hardy Foundation for Ocean Science) con l’Università del Salento, Cnr-Ismar e con  il Centro Euro Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici;

- nautico: perché si tratta di una spedizione a vela mai effettuata per riportare l’attenzione sul mare, sulla navigazione, sui valori della marineria. 

Progetto Mediterranea ha il patrocinio onorario del Ministero degli Esteri e della Marina Militare Italiana, è membro di Fondazione Mediterraneo e della Ride - Rete Italiana per il Dialogo Euromediterraneo Onlus.

Anche nella gestione organizzativa Mediterranea sperimenta nuove soluzioni: la spedizione costituisce la prima esperienza mondiale di persone che ne condividono le finalità e contribuiscono economicamente partecipando in prima persona al viaggio, dandosi il cambio a bordo e a terra come team.

Mediterranea inoltre è un’imbarcazione a impatto zero, alimentata esclusivamente da fonti rinnovabili, solare ed eolico, e lungo la sua rotta ha diffuso racconti e immagini sul proprio sito ufficiale www.progettomediterranea.com.

Fra i progetti in corso dell'equipaggio c'è anche quello di realizzare un docufilm sui 6 anni di navigazione per il quale hanno lanciato una raccolta fondi ma con una modalità molto particolare come racconta Simone Perotti nel video qua sotto.

Fotogallery

Videogallery

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it